Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X

Impianti depurazione acque piscina

/Impianti depurazione acque piscina
Impianti depurazione acque piscina

Impianti depurazione acque piscina

L’acqua nelle piscine pubbliche contiene microorganismi e sostanze indesiderabili, che derivano dai prodotti di escrezione e dalla pelle dei bagnanti. Essi fanno entrare nell’acqua molte sostanze inquinanti, come i batteri dalla saliva, i prodotti di escrezioni, l’inquinamento da costumi da bagno, tessuti della pelle, sebo, sudore, muco proveniente da gola e naso, capelli, cosmetici ed ammoniaca , e altri elementi inquinanti quali sudore e urina.
I componenti di sudore e urina non sono nocivi per la salute umana, tuttavia, quando questi prodotti reagiscono con i disinfettanti nell’acqua, come il cloro, si possono formare prodotti di reazione indesiderati formati pricipalmente da clorammine.
I disinfettanti usati per la disinfezione dell’acqua delle piscine devono rispondere a determinati requisiti; devono essere inoffensivi e non-irritanti per bagnanti e custodi, devono essere attivi in piccole concentrazioni e rimanere in attività per lungo tempo.
I disinfettanti a base di cloro sono fra quelli più utilizzati. Il cloro è solitamente aggiunto come acido ipocloroso (HOCl) o ipoclorito (OCl-).
Uccide i microorganismi patogeni che sono presenti nell’acqua ma occorre prestare attenzione alla quantità poiché quando è presente in dosi eccessive, può causare l’irritazione delle membrane mucose e degli occhi, come conseguenza di formazione delle clorammine. A tale proposito vengono stabiliti dei livelli massimi e di soglia per la concentrazione del cloro.
Per il cloro disponibile la concentrazione minima nelle piscine è stabilita a 0.5 mg/litro, il livello massimo a 1.5 mg/l.

La depurazione passa attraverso varie fasi: prima di tutto, l’acqua viene trasportata dalle piscina ad un impianto di depurazione di acqua, all’interno del quale tramite un filtro di rimozione dei peli, vengono rimossi elementi inquinanti grezzi, quali capelli, pezzi di intonaco e foglie.
Successivamente viene aggiunto un flocculante che lega insieme particelle colloidali più piccole.
Tali colloidi sono particelle galleggianti visibili di materiale organico, come tessuti di pelle e fibre tessili; questo gruppo di inquinanti include anche inquinanti colloidali, come saliva, resti di sapone, prodotti cosmetici e grassi della pelle.
Quando queste sostanze inquinanti sono molto abbondanti, causano la torbidità dell’acqua.
Le particelle galleggianti vengono rimosse dall’acqua con i filtri a sabbia, che vengono periodicamente controlavati.
Infine, le sostanze inquinanti vengono scaricate nella fognatura.

Richiedi informazioni

Contattaci per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo gratuito