Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X

Impianto disidratazione fanghi

/Impianto disidratazione fanghi
Impianto disidratazione fanghi

Impianto disidratazione fanghi

1 – Letti di essiccamento
Necessario per grandi quantità di fango, serve per il loro stoccaggio. L’obiettivo è quello di far asciugare il fango fino ad una percentuale del 15-20% di umidità per poi smaltirlo.

2/3 – Mobiletto fanghi
Essiccazione di piccole quantità di fango proveniente da trattamenti chimico-fisici.

– Filtropressa
La filtropressa è una macchina utilizzata per disidratare i fanghi mediante processi di separazione solido-liquido.Il fango pompato ad elevate pressioni dentro il filtro, viene disidratato mediante tele e piastre filtranti, che trattengono la fase solida e lasciano defluire la fase liquida.
La filtropressa viene impiegata per la disidratazione dei fanghi derivanti dai processi di depurazione delle acque reflue, civili ed industriali.

– Nastropressa
La nastropressa per fanghi, installata al termine del processo depurativo, è indicata per ottenere una elevata disidratazione dei fanghi e una facile trasportabilità.
Normalmente una nastropressa è costituita da un telaio con due robuste fiancate laterali collegate fra loro, una tramoggia di carico del fango, una vasca di accumulo e scarico dell’acqua filtrata, due teli coniugati attraverso i quali passa il fango da disidratare, dei rulli con funzione di drenaggio e pressione del fango e dei rulli aventi funzione di centraggio e tiro del telo.

Richiedi informazioni

Contattaci per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo gratuito.